LA PIETRA UGO

LA PIETRA UGO (Bussi sul Tirino 1938)

Ugo La Pietra

Ha iniziato a dipingere negli anni Sessanta, e ha conseguito la laurea in Architettura nel 1964 presso il Politecnico di Milano. Tutto il suo lavoro è orientato verso la ricerca di un equilibrio tra l'uomo e l'ambiente, sperimentando in ambiti diversi e superando i confini disciplinari. Ha fondato e fatto parte di gruppi d'avanguardia italiani, quali quello del Cenobio, del Design Radicale e della Global Tools. Ha diretto le riviste In (1971-74), Progettare Inpiù (1973-74), Brera Flash e Fascicolo (1976-79) e, dal 2000, Artigianato tra arte e design; nel 1980 è stato redattore della rivista Domus. Ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti tra i quali il Compasso d'Oro nel 1979 per una ricerca di arredi per le Case Gescal. In qualità di designer risultano numerose le sue collaborazioni con aziende quali Arosio Viscardi, Gruppo industriale Busnelli, Poggi, Sellaro e Zanotta fra le principali. Punto principale delle sue idee è l'importanza dell'artigianato, che reputa più completo e funzionale rispetto alle produzioni industriali di design; La Pietra ha permesso molte collaborazioni tra artigiani italiani e designer lavorando sulla realtà nazionale. Gran parte delle sue opere ha una doppia firma, quella di La Pietra e quella dell'artigiano che ha realizzato l'opera. Crede nel "recupero della manualità” per contrastare la produzione seriale e nell'importanza di esplorare la città e le sue periferie, per riflettere sulle trasformazioni degli ambienti in cui l'uomo contemporaneo vive.

Ugo La Pietra si rende noto in quanto artista già alla fine degli anni Cinquanta. La sua ricerca nell'ambito pittorico inizia con la produzione Minimi Segni che troverà il suo apice fra il 1962 e il 1963 nel gruppo Cenobio, composto da Ugo La Pietra, Agostino Ferrari, Ettore Sordini, Angelo Verga, Arturo Vermi, che si contrappone alle correnti della pop art, dell'arte oggettuale e dell'arte cinetica. Proseguì la sua sperimentazione con la Sinestesia tra le arti, portando avanti un processo creativo che vedeva protagoniste e in relazione varie discipline formali (pittura segnica, arte concettuale, narrative art, nuova scrittura, cinema d'artista, arte nel sociale, neoeclettismo, ma anche architettura radicale, installazioni urbane, ambienti disequilibranti, neo-eclettismo e design territoriale), come si può rilevare per esempio in: Lepre lunare, Effetto randomico, Strutturazioni tissurali, Sistema disequilibrante.

Alcuni progetti:

  • Le Immersioni, 1968
  • Architettura Radicale 1966-1973
  • Le Strutturazioni Tissurali 1966-1967
  • La Casa Telematica, 1971
  • Il Commutatore, modello di comprensione, 1970
  • Piani inclinati, 1970/1973
  • Interno/Esterno, 1977-1980
  • Occultamento, 1974
  • Arte nel Sociale. Riconversione Progettuale, 1976-1979
  • Memoria Tridimensionale Memoria Bidimensionale. Cronografie, 1981
  • Luminarie, 1979
  • Il Giardino delle Delizie, 1980-1986
  • Casa Palcoscenico, 1986-1989
  • Abitare con Arte, 1985-1993
  • Cultura Balneare, anni Ottanta
  • Abitare la città. Interno/Esterno: Frammento di Architettura, 1996
  • Naturale/Virtuale, 1993
  • Amore Mediterraneo, 1992
  • La Nuova Territorialità, 1990-2000
  • Genius Loci
  • La Diversità, la Normalità nella Differenza
  • Dai Giornali ai Portali, 2001
  • La Nuova Territorialità
  • Mostre Antologiche su Abitale la Città, 2008-2009
  • Collezioni di Arte Applicata
  • Mostre Antologiche di Arte Applicata
  • Fondazione Aldo Morellato

Ugo La Pietra conduce una consistente e intensa attività di comunicazione con la scrittura di saggi e articoli per riviste d'arte e di architettura. Dagli anni Settanta dirige le riviste IN, Inpiù, Brera flash, Fascicolo, Caleidoscopio, Area, Abitare con arte, Artigianato tra arte e design. Ha lavorato come redattore per D'Ars, Domus e AU e in quanto direttore artistico per Mestieri d'arte.

Cura diversi libri, tra cui:

  • "Le mie giornate particolari con..." Manfredi edizioni, 2017
  • “Odori e Sapori” edizioni Nuages, 2015
  • “Il verde risolve!” edizioni Corraini, 2015
  • “Abitare con arte. Ricerche e opere nelle arti applicate e nel design” edizioni Corraini, 2015
  • “Interno/esterno” edizioni Corraini, 2014
  • “Attrezzature Urbane per la collettività. Cinquantasette disegni di riconversione progettuale 1977-1979” edizioni Corraini, 2013
  • Abitare la città” edizioni Allemandi, 2011
  • “Minimi segni. Catalogo della mostra (Milano 7 febbraio-5 marzo 2008)” edizioni Vanillaedizioni, 2008
  • “Giancarlo Malchiodi architetto” edizioni Prearo, 2007
  • “Il globo tissurato” edizioni Alinea, 2007
  • “Marmi, pietre e mosaici. La tradizione rinnovata nel dizionario artistico italiano” edizioni Alinea, 2006
  • “La vita è cuccagna” edizioni Alinea, 2003
  • “Bestiacce. Per una psicologia somatica” edizioni Alinea, 2002
  • “Dieci anni di produzioni di pietra per l'ecomuseo della pietra leccese” edizioni La Biblioteca, 2000
  • “Bere il caffè. All'interno dei rituali domestici” edizioni Alinea, 1997
  • Gio Ponti” edizioni Rizzoli, 1995
  • “Ad arte. 1985-1995: dieci anni di ambienti e oggetti per abitare con arte” edizioni Alinea, 1995
  • “Guglielmo Ulrich. Mobili fatti ad Arte” edizioni Mondadori Electa, 1994
  • “L'oggetto significante dal virtuale al naturale. Cultura balneare: l'architettura dell'oggetto. Tendenze particolari” edizioni Alinea, 1992
  • “Design balneare” edizioni Alinea, 1990
  • “Domesticarte. Ambienti e oggetti per abitare con arte (2)” edizioni Alinea, 1990
  • “Domesticarte. Ambienti e oggetti per abitare con arte (1)” edizioni Alinea, 1988
  • “Il giardino delle delizie. Spettacolarità e concettualità nei progetti di orti e parchi urbani a Milano, Bologna, Roma e Palermo” edizioni Alinea, 1987
  • “Argomenti per un dizionario del design” edizioni Franco Angeli, 1987
  • “La conversazione elettronica. Modificazione dello spazio abitativo e dei suoi rituali attraverso l'uso di strumenti telematici” edizioni Alinea 1986
  • “Abitare la città. Ricerche, interventi, progetti nello spazio urbano dal 1962 al 1982” edizioni Alinea, 1983

 

Organizza e cura più di 900 mostre personali e collettive in cui coinvolge sia artisti che designer per istituzioni nazionali e internazionali: Triennale di Milano, Fondazione Mudima e il Museo della Permanente (Milano), la Biennale di Venezia, il Museum of Modern Art e il Museum of Contemporary Craft di New York, Centro Pompidou a Parigi, la Galleria Palazzo Galvani di Bologna, alla Neue Galerie di Graz, a Palazzo dei Diamanti di Ferrara, alla Fortezza da Basso a Firenze, alla Fondazione Ragghianti di Lucca, al Museé Departemental di Gap, al Museum Für Angewandre Kunst Colonia, al Museo Nordio Linz, al Royal College of Art di Londra, alla Biennale di Chateauroux, alla Biennale di Albisola, al Palazzo Bricherasio di Torino, alla Fondazione Umberto Mastroianni di Arpino (FR), allo Spazio Oberdan (Cineteca Italiana), al Museo di Villa Croce a Genova, alla Fondazione Orestiadi di Gibellina, al FRAC Centre di Orléans, al MIC di Faenza. Al momento è aperta una mostra al museo MAGa di Gallarate.

 

(Fonte Wikipedia)

Traccia di un tessuto

Traccia di un tessuto

Codice 1966 Traccia di un tessuto
Tecnica China e matita su carta.
Dimensioni Dimensioni foglio 50x50 cm
Anno Anno 1966
Numerazione  
Note Autentica e Archivio Ugo La Pietra.
 
Oltrearte Associazione Culturale
tel. 338.270.5193